il massiccio del Velino

Il massiccio del Velino, posto nella parte occidentale dell'area Parco del Regionale del Sirente-Velino, è uno dei più imponenti ed estesi dell'Appennino Centrale. Si innalza con cime che superano abbondantemente  i 2.000 metri di altitudine, come quello del monte Velino (2487mt), che è la vetta più alta del massiccio stesso, le altre vette di rilievo sono, il monte Cafornia (2424mt), il monte Sevice (2355mt), il monte Costognillo (2337mt), monte Sentinella (2178mt)monte Magnola (2220mt), Punta Trento (2243mt), Punta Trieste (2230mt) ed il monte Rozza (2064mt), inoltre sono presenti nel massiccio altre 34 vette che superano i 2000metri. La tormentata e complessa struttura orografica che lo distingue, è determina una grande varietà di ambienti diversi tra loro. La natura geologica del massiccio, è caratterizzata dai calcari organogeni del Cretaceo, molto compatti e permeabili, solo in alta quota la conformazione di alcuni pianori è di tipo marnosa e meno permeabile. Il Velino dà la possibilità di osservare una grande varietà di fenomeni geomorfologici. Imponenti manifestazioni del glacialismo quaternario, come quelle della Valle Maielama e della Val di Teve, due grandi valli incassate tra alte pareti a precipizio.

cima Tre Sorelle
monte Sevice
monte Cafornia
monte Costoligno
anticima del Cafornia
monte Velino
cimata fossa dei Cavalli
monte Il Bicchero
valle Majellama
vallone grotta dei Pastori
Maurizio Cianfarani - trekking2000