val Canneto 2012
Parco Nazionale d'Abruzzo-Lazio-Molise
Questa volta l'escursione nel Parco Nazionale d'Abruzzo-Lazio-Molise, prevede la salita della val Canneto fino al rifugio Forca Resuni (pendici di monte Petroso). Parcheggiata l'auto poco dopo il santuario della Madonna di Canneto, si percorre per tutta la sua lunghezza, la val Canneto immersa in uno dei tanti bellissimi boschi che offre il parco. Per rendere l’uscita ancora più affascinante, per lunghi tratti è stato lasciato il sentiero originale per risalire le acque del fiume Melfa, alla ricerca dei molteplici laghetti e cascate che si trovano lungo il suo percorso. Raggiunto i ruderi del casale Bartolomucci è stata fatta una piccola sosta, nelle vicinanze ad una delle sorgenti del fiume godendoci lo spettacolo naturale che si offriva ai nostri occhi. Da qui si continua la risalita per l’evidente sentiero sempre ben segnalato e a tratti sul letto prosciugato del fiume fino a rientrare nella faggeta, da dove il percorso diventa molto impegnativo e si risale tutto il crinale del monte Petroso fino ad arrivare al valico Forca Resuni. Qui si gira decisamente a destra e dopo una breve visita sulla val di Rose si torna indietro per raggiungere il rifugio Forca Resuni. Per il ritorno stesso percorso a ritroso fino alla macchina, dove prima di partire, è d’obbligo fare una visita al Santuario della Madonna di Canneto.
inizio percorso val Canneto
Cascata Giovanni Paolo II
Cascata Giovanni Paolo II
Casale Bartolomucci
Massimo sotto il monte Petroso - rifugio Forca Resuni
Maurizio sotto il monte Petroso - rifugio Forca Resuni
Massimo - Maurizio al rifugio Forca Resuni
rifugio Forca Resuni
Maurizio sotto il monte Petroso - rifugio Forca Resuni
monte Petroso
Massimo - Maurizio al rifugio Forca Resuni